Full text: papers communicated to the first International Eugenics Congress held at the University of London, July 24th to 30th, 1912

12Section I.G. Sergi. 
Piü strana é Pipotes i di altri che possano ammettere una trasformazione 
per un isolamento momentáneo su montagne o altrove e anche in tempo 
breve, come sarebbe il periodo storico. 
Queste e altre ipotesi analoghe derivano dal fatto di non sapere o di non 
concepire la penetrazione di elementi demografici nuovi in una popolazione, 
o la migrazione in piccola o grande scala in una regione abitata, e quindi la 
lenta o rapida sostituzione di un nuovo tipo étnico. 
Davanti a tutte queste teorie ipotetiche, invece, esistono fatti bene e 
chiaramente stabiliti contro cui nulla vale, perché un fatto é valevole piü di 
molte teorie, cioé la persistenza delle forme del cranio umano attraverso i 
tempi e in ogni regione, ed oltre a questo un altro fatto veramente importante, 
cui nessuno quasi ha badato, voglio dire che brachimorfia e dolicomorfia del 
cranio sono primitive. In Europa, dove le scoperte di paleontología umana 
sono relativamente numeróse, e le epoche attribuite ai documenti scoperti 
sono approssimativamente esatte nel calcolo cronologico della geologia, le 
due forme sono quasi contemporanee. Si rileva che il tipo de Neander ha i 
suoi dolico e i suoi brachimorfi nelle numeróse ossa di Krapina, e che il 
ramo fossile che porta i caratteri deH’uomo recente ha i suoi crani dolico e 
brachicefali. Queste due forme sono probabilmente due rami di un tronco 
e null’altro si puo sostenere, cioé 1’origine comune e non la trasformazione di 
una forma nell’altra. 
Di queste forme fossili, la neandertaloide é estinta in tutte e due i rami 
secondari, mentre l’altra non ha lasciato disoendenti nel ramo brachimorfo, 
come in altro luogo ho dimostrato; soltanto il ramo dolicomorfo ha 
persistito dividendosi in forme varie, quelle forme, cioé, che noi abbiamo 
trovato dai periodi quatemari ai neolitici. I crani di Ipswich, di Galley 
Hill, di Clichy, di Tilbury, di Combe Capelle, di Cromagnon, di Mentone, 
di Predmost, dei Balzi Rossi, di Laugerie Basse, di Solutré, di Sorde, hanno 
tutti molti caratteri moderni con le identiche variazioni che si trovano giá 
nei crani neolitici e nei loro disoendenti.* 
Se lo scheletro di Castenedolo é veramente del pliocene inferiore, come 
ora nuovamente sostengo, il cranio suo non si distingue da uno recente, né 
pure il resto dello scheletro. II Prof. Keith nello scheletro di Ipswich 
trova che alcuni caratteri non differiscono da quelli di un inglese recente. 
Ciascun vede quanta resistenza ha presentato questo tipo umano fin dal 
terziario, e basterebbe questo fatto a dichiarare fantastiche tutte le teorie 
moderne e tutte le strane ipotesi emesse intorno alia variabilitá del cranio 
umano, quando questo ha giá assunto una determinata forma; e non importa, 
se la ipotesi dell’evoluzione, come fino ad ora é stata concepita, ne soffra, 
perché i fatti valgono piü delle teorie, le quali, per avere valore, devono aver 
fondamento in quelli e non su speculazioni senza base. 
* Confronta per la dimostrazione nostra opera : Europa. V. Bíblico grafía.
        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.